Genitori: una risorsa preziosa anche sul lavoro. Ecco perché

0
24

Troppo spesso sembra che diventare ed essere genitori sia uno svantaggio, quando si parla di lavoro.

Per esempio, a volte sembra che diventare mamma sia una colpa, e che le aziende cerchino solo chi non vuole figli, così da potersi concentrare esclusivamente sul lavoro, ed evitando ai datori di lavoro “scocciature” quali pause maternità o permessi specifici per i genitori.

Ma è davvero così?

In realtà, essere buoni genitori non è affatto inconciliabile con il fare carriera. Anzi...

Una risorsa preziosa

Diventare genitori è un’esperienza unica, e col tempo permette di sviluppare capacità utilissime, che possono rivelarsi una vera e propria risorsa sul posto di lavoro.

Si tratta delle cosiddette soft skill, che includono il problem solving, la leadership, il networking, il project management, l’innovazione, e molte altre.

Forse non ve ne rendete conto, ma essere genitore, cioè gestire i bisogni di un bambino e interfacciarsi con il suo mondo, permette di apprendere nuove competenze utili non solo nell’educazione familiare, ma anche nel lavoro.

Per questo motivo è essenziale imparare a riconoscere e a valorizzare le soft skills che state sviluppando, e metterle poi in uso anche quando lavorate.

Certo, per trovare il giusto equilibro tra casa e lavoro può volerci del tempo, e riuscire a gestire con successo famiglia e attività lavorative può essere molto impegnativo, ma alla fine si possono ottenere grandi soddisfazioni in entrambi gli ambiti.

Ecco alcuni consigli per vivere meglio questa dualità e dedicarsi con successo sia alla carriera che alla propria famiglia.

Parla col capo

Un primo consiglio è quello di migliorare la comunicazione con il vostro titolare. Qualunque sia il lavoro di cui vi occupate, è importante avere sempre sottomano il punto della situazione e, soprattutto, i progressi fatti.

Aggiornate il vostro capo e mettete in luce i risultati raggiunti, in modo che possa apprezzare i motivi per cui state facendo un buon lavoro. Per far questo basta tenerlo aggiornato sui progetti che state seguendo, sulle mansioni che vi sono state affidate e su come avere risolto alcune problematiche.

Questi aggiornamenti periodici faranno capire al vostro capo che siete persone responsabili, competenti e serie. In pratica, non gli verrà mai il dubbio che stiate trascurando il lavoro per motivi familiari, ma si renderà conto che riuscite a gestire nel modo migliore ogni aspetto della vostra vita e che può contare su di voi.

Allo stesso tempo, voi avrete più sotto controllo il vostro lavoro, saprete meglio organizzarvi e vi sentirete più sicuri e sereni.

Prenditi i tuoi spazi

Un altro consiglio è di ritagliare degli spazi per voi stessi. Non servono molte ore, ma pochi minuti al giorno. Potreste sfruttare per esempio i video tutorial che insegnano un programma di allenamento giornaliero di soli sette minuti.

Oppure fate una breve camminata, magari proprio prima di andare al lavoro, parcheggiando un po’ più lontano.

Se svolgete già un lavoro fisico sfruttate una pausa caffè o la pausa pranzo per fare qualche minuto di stretching o di rilassamento muscolare, magari ascoltando la vostra musica preferita.

Se ne avete l’opportunità, dedicatevi a un hobby che vi appassiona (lettura, giardinaggio…) almeno una volta alla settimana.

Tutte queste accortezze vi permetteranno di avere un miglior rendimento lavorativo, un umore più positivo e vi renderanno più sereni e presenti nella vita dei vostri figli, perché riuscirete a ridurre un po’ lo stress.

Fai attività con i tuoi figli

Un’altra cosa da fare è rendere stimolanti e di qualità i momenti che dedicate alla famiglia e ai figli. Potreste decidere di cucinare tutti insieme, coinvolgendo anche i bambini più piccoli.

Raccontate cosa vi è successo al lavoro e invitate gli altri componenti della famiglia a fare altrettanto. Ricordate che la TV ogni tanto può anche essere spenta. Sfruttate Internet per trovare quiz e giochi adatti ai vostri figli, per insegnare loro skill come il problem solving e l’intuizione.

Partecipare a queste attività non solo vi renderà più presenti in famiglia, ma aiuterà anche voi a sviluppare capacità sociali e di leadership preziosissime.

Conclusione

In definitiva, essere genitori può essere davvero un valore aggiunto insostituibile sul posto di lavoro, se la si considera un’opportunità di formazione continua.

Ti consiglio:

Rispondi